Oggi, se possiamo dire una cosa del marketing, è che è in continua evoluzione. Questo perché il marketing si è sempre relazionato tantissimo con il mondo dell’innovazione. Infatti ogni cambiamento tecnologico ha sempre impattato enormemente sulle dinamiche per l’acquisizione di potenziali clienti, cambiando proprio quel processo che serve ad attirare l’attenzione ed ottenere la fiducia delle persone. Il processo che ti fa vendere.

Quello che funzionava negli anni 90 oggi non funziona più. Pensa che, a seconda dei casi, non funziona più neanche quello che funzionava 2/3 anni fa. Eppure ci sono persone che sono convinte che ciò che facevano quando ancora utilizzavano le videocassette e chiamavano a casa dalla cabina telefonica, funzioni ancora oggi. Questa mentalità spesso rovina completamente il business di molte aziende. È un grave errore perché vuol dire che l’azienda non ha dentro delle persone che sono in grado di capire che tutto è cambiato. O magari ci sono anche, ma se poi chi deve prendere le decisioni è ancora rimasto alle fiere, agli stand, alla carta stampata, di cosa stiamo parlando? Vediamo quindi 5 campanelli d’allarme che sono utili a farti capire quando la tua strategia di marketing è superata.

NUMERO UNO: cambiamo l’homepage del sito web

Oppure, magari ogni anno, cambiamo tutto il sito web! Avere una homepage ben disegnata è sicuramente importante. Ok, è la porta del tuo sito web, ma non è certo la cosa più importante! Tanti provano a mettere dentro tutti i contenuti che hanno all’interno di quella pagina! Come quando vai in vacanza per un weekend lungo e ti porti dietro mezza casa. Poi magari le pagine di vendita, le pagine di conversione, come le “Thank You Page” sono completamente trascurate. Per cui le persone arrivano sull’homepage del tuo sito e il sito non converte o, quando converte, non si capisce da quale parte il cliente sia arrivato. Se poi stai cambiando foto, colori, menu, icone ogni due giorni, sei proprio a cavallo.

NUMERO DUE: il team di marketing e di sales non lavorano assieme

10/20 anni fa era una cosa normalissima. Il team di marketing si occupava del brand, il team di sales si occupava delle vendite. Oggi i due team devono lavorare assieme perché il processo di vendita è molto più complesso. Devono collaborare! Se vuoi un consiglio, fai gestire i due team da persone diverse. Se il team di marketing è gestito da una persona che fa sales, ti scordi completamente tutta la parte del brand e quasi sicuramente la strategia sarà quella di vendere un po’ di più ogni trimestre. Tuttavia, non esisterà alcuna strategia a medio lungo termine. Viceversa, se dai in mano ad una persona che fa marketing un team di sales, rischi di non vendere abbastanza. Perché magari tendrà ad aspettare troppo e la vendita è la parte conclusiva del business. Se non c’è vendita, non c’è business.

NUMERO TRE: eliminiamo i social media e il content marketing

Perché c’è la concezione che non servano a niente. Non ci da risultati immediati. Se non ci sono risultati immediati allora non serve. Non si capisce invece che questi strumenti danno risultati a medio lungo termine, ed è a medio lungo termine che fai la differenza, non dall’oggi al domani. A medio lungo termine arrivi più lontano e non per chissà quale ragione sconosciuta. Semplicemente perché stai creando un brand. Stai costruendo una credibilità ed allo stesso tempo stai attirando l’attenzione delle persone. Ancora oggi ci sono persone che pensano che Facebook sia un luogo di ritrovo per ragazzini. Oggi parliamo di 2 miliardi di ragazzini.

NUMERO QUATTRO: parli più della tua azienda che dei tuoi clienti e dei loro problemi

È un dato di fatto che se parli solamente la tua azienda, la gente si rompa le scatole. Eppure tante imprese ancora oggi se la suonano e se la cantano. Sul sito, sul blog, sui social media. Un po’ come quel ragazzino strafottente che alle medie era il primo della classe. Il primo della classe che però sta sulle palle a tutti. Sarebbe opportuno focalizzarsi sui clienti, sia i clienti reali, i clienti dell’azienda, che quelli potenziali. Parlare dei loro problemi, dare loro soluzioni, cercare di capire che cosa vogliono veramente.

NUMERO CINQUE: pensi che pubblicare un comunicato stampa ogni settimana sul tuo blog porti nuovi leads

In realtà, non solo non portano nuovi leads, ma sono una gran perdita di tempo. Soprattutto se parliamo di comunicati stampa fatti da piccole aziende. Se il comunicato stampa viene fatto una tantum per qualcosa di veramente importante ha senso. Se viene fatto ogni settimana senza uno scopo preciso e, soprattutto, senza un contenuto di valore, è una completa perdita di tempo e rischia, per di più, di creare un effetto “al lupo! al lupo!”. Per cui, quando vorrai comunicare qualcosa di veramente importante, nessuno sarà interessato.

Tu come gestisci il marketing della tua azienda? Ci sono delle tecniche, delle strategie, che ormai ritieni siano superate? se ti va di condividere il tuo parere, scrivilo nei commenti!

 

iTunes

 


TI È PIACIUTO QUESTO VIDEO?

INSERISCI LA TUA EMAIL e ti invierò una notifica ogni volta che pubblicherò un NUOVO VIDEO!

Accetto che le mie informazioni personali siano gestite tramite MailChimp ( dimmi di più )

Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003.

Giovanni Maieli

Specialista in Digital Marketing, Vlogger, Imprenditore. Appassionato di Retrogaming. Vivo a Dublino, dove gestisco il Marketing Digitale di una Software (SaaS) Company. Il mio cane, Argo, è la versione portatile di Falkor de La Storia Infinita.

Tutti gli articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giovanni Maieli

Specialista in Digital Marketing, Vlogger, Imprenditore. Appassionato di Retrogaming. Vivo a Dublino, dove gestisco il Marketing Digitale di una Software (SaaS) Company. Il mio cane, Argo, è la versione portatile di Falkor de La Storia Infinita.